Chi ha un sito, un blog , un ecommerce, un forum o qualsiasi altro “luogo d’incontri virtuale” è solito, nel corso del tempo, organizzare piccoli contest gratuiti. Contest che non tanto servono a far registrare nuovi utenti (ma serve anche a questo) quanto per “far felici” chi è già registrato impegnandolo in qualcosa per un pò di tempo.

Possiamo chiamare questi contest in due modi: giveaway o concorsi …. il succo non cambia.

Quello che molti non sanno è che chi organizza un contest con un valore superiore, sembra, a 1€ … rischia una bella sanzione da parte del Ministero dello Sviluppo Economico.

Alcuni blogger con cui io e Simona siamo entrati a contatto ci hanno confermato di essere stati sanzionati per dei piccoli giveaway/contest. Due di questi contest su tre non avevano un premio superiore ai 30€ . Il terzo li sforava.

Il ministero dello sviluppo economico ha così deciso di multare chi ha organizzato questi contest… il totale che incasserà, perchè pretenderà di incassarli, sarà di circa 700.000€

Il DPR 430 parla chiaro… però ha dei punti oscuri. Chiunque mandi mail al ministero dello sviluppo economico riceve come risposta “il valore minimo del premio non deve superare 1€“. Ma nel DPR non c’è scritto quanto deve essere il “valore minimo”. C’è scritto che il premio non deve superare il valore di un lapis, una penna o di una bandierina… ma se io per una penna la pago circa 1000€, sono escluso? Tipo ci metto una bella penna d’oro…. ed il gioco è fatto. Tanto c’è scritto “il valore di una penna”… non mi è stato specificato il prezzo.

Il fatto che siano effettivamente dei concorsi non lo mette in dubbio nessuno. L’unica cosa è che la salzione è “un tantinello” esagerata rispetto al valore del premio messo in palio. Per reati ben più gravi ci sono sanzioni non tanto abnormi quanto queste.

Notare questo

Chi commette il reato di sfruttamento, induzione o favoreggiamento della prostituzione riceve una multa che varia dai 258 € ai 10.329 € (fonte).

Il mi primo pensiero è stato: “ok… mi metto a fare il pappone così pago meno se mi beccano!” .

Possibile che un pappone riceva sanzioni minori rispetto a chi organizza contest? Lo Stato Italiano deve mangiare sempre sulle persone oneste? Perchè ogni tanto non inizia a ragionare diversamente e a favore del popolo invece di spennarlo a più non posso?

Io stesso, nella mission, ho proposto di aggiungere delle clausole relative il valore dei premi ed eventuali tasse da pagare.

Se io voglio organizzare un contest con un valore di 5-6€ in modo legale, lo Stato Italiano non mi permette di farlo! Devo pagare circa 4-5 mila euro (mila eh, non è un errore di battitura) tra depositi, spese notarili ecc ecc..

Con la raccolta firme che ho organizzato con Simona speriamo di riuscire a raggiungere un obiettivo ragionevole.

Aumentare il “valore minimo” del premio almeno a 25-30€ (per essere esclusi dalle sanzioni) e mettere una qualche tassa minima per i valori non superiori 500€ (mia proposta questa) di circa 200-300€ con tutti i software messi a disposizione dal Ministero dello Sviluppo Economico. Per premi che arrivano fino a 500€ sono disposto a pagare una tassa… ma non notai e software autorizzati ecc ecc… faccio prima ad andare a zappare la terra che ci rimetto meno.

Detto questo… se vuoi firmare, puoi farlo quì.

Ci tengo a precisare una cosa… Visto che qualcuno ha scritto questo:

muhuahuhahua i soliti che rubano le mail x poi rivendere attenzione ragazzi state alla larga di questi siti.
loro prima vi fanno registrare per poi vendere le vostre mail per poter poi lucrare sopra.

Riporto quello che c’è scritto nel post della raccolta firme:

I dati che ci fornirai non saranno mai ceduti a terzi ne utilizzati per scopi commerciali; non riceverai mai alcuna comunicazione pubblicitaria da parte nostra.

Quindi le firme e le relative mail NON VERRANNO UTILIZZATE MAI per pubblicità e non verranno MAI date ad altri.

Ci tengo a precisare questa cosa in quanto molti hanno paura di mettere la propria mail per confermare la firma.

FIRMA LA PETIZIONE ED AIUTACI

Se vuoi puoi cliccare su MI PIACE sulla pagina facebook